Sogno spesso

cose che sembrano strane.

Stanotte era un tacchino

con il viso di un uomo.

La sua padrona

grassa più di lui

gli radeva le piume

orgogliosa di farlo.

D’un tratto ha cominciato a parlare.

Sorrideva e parlava.

Ho detto “ah, parla!”

senza troppo stupore.

Ha fatto due passi verso me,

mi ha chiesto “sono bello ora?”

Intendeva dire, ora che la padrona lo aveva

giustamente spiumato.

Aveva rughe d’espressione.

Era alto almeno due metri.

Camminava impettito.

Un andamento simpatico.

“Quanti anni hai”, gli ho chiesto.

“Quaranotto” ha risposto

e si è allontanato.

Non c’era niente di strano.

francis bacon

Annunci