La creta, il silenzio, la bavaparola;
aperto chiarore, bocca, senso umano del patire, corpo, corpo!
La tua mano chiama a trasparenze: pelle di creta, arpa, spada
voce lucente di silenzio, terra, terra di memoria, terra di acqua e percezione
provata forza, dissolvenza. Fossile creatura che frantumi
mare aperto sul vuoto, dilagante silenzio abitato;
croce di terra fammi camminare il tuo volto, recami all’orto
che nasce il fuoco e la neve.
Alto il tuo sguardo, alto il respiro delle montagne con cui vieni a me.

Zeinab El-Seginy

Annunci