Col grano aperto dall’estate
quando le more si fanno granata
e voci dondolano alle finestre insieme alle gonne,
segui l’orma dei larici.
Li vedrai salire al candore degli uccelli,
liquefarsi sopra le ali alle montagne.

Il loro clamore curva la saggezza delle pietre
mentre la frontiera arde dietro le grate.

Poiane bucano dai corpi a frotte.

Lentissima l’aria fa terra. Viene.

__________
iole toini

 

tumblr_o32gkgU8CZ1u6w494o2_1280

 

una lente brucia l’aria
infiamma la terra
e l’occhio allarga
mentre una lingua
di colore stempera
questo tempo
che ancora si rigenera
e grazia di un ingegno
oltre ogni misura
egualmente diffonde
e spartisce ovunque
in ogni cosa.

_________
Fernanda Ferraresso

 

Annunci